domenica 22 marzo 2015

PICI CON FEGATINI DI POLLO E ZUCCA ARROSTITA




Ciao a tutti!

Stamattina, la sorpresa di un nanetto di nuovo malato ci ha obbligato a cambiare i nostri programmi e alla fine, dopo colazione, ci siamo ritrovati in cucina a cucinare insieme: io e il fotografo, con i tre nanetti e Molly a gironzolarci intorno come palline impazzite.



E’ divertente dividerci i compiti in cucina, io mi sono occupata della pasta e lui del sugo, anche se però la programmazione è stata un lavoro corale. Insieme abbiamo ripensato alla Toscana, insieme abbiamo ripensato al nostro viaggio di nozze, insieme abbiamo fatto un salto nel passato a circa 9 anni fa.


A quel tempo eravamo solo noi due e l’amata auto sportiva del fotografo (le auto sportive sono un’altra grande passione del fotografo, oramai abbandonata da anni a causa dell’aumento repentino del numero di familiari a carico!) ed insieme gironzolavamo per le magnifiche colline toscane, in una terra ricca di storia, arte e tradizione. La nostra prima tappa fu Siena e proprio qui abbiamo per la prima volta mangiato questo piatto, o meglio questo tipo di pasta perché il condimento di allora era diverso da quello preparato da noi oggi.


Non saprei dirvi se fossero fatti a mano o no, in realtà la nostra passione per la cucina intesa come preparazione del cibo è arrivata solo dopo il matrimonio, a quel tempo amavamo il buon cibo e il buon vino ma non ne sapevamo molto di preparazioni e abbinamenti, e ancor meno di blog o foodblogger!


I pici sono una pasta povera, fatta di sola farina, acqua e olio extravergine di oliva. La semola nell’impasto serve per dare struttura alla pasta e non rende necessario l’utilizzo delle uova (anche se in una parte della Toscana vengono aggiunte anche le uova all’impasto). Una pasta contadina tradizionalmente condita con un sugo di pomodoro aromatizzato all’aglio, oppure con briciole di pane raffermo e erbe aromatiche, oppure ancora con un ragù toscano.


Oggi noi abbiamo cercato di creare un sugo che in qualche modo rispettasse la povertà di questo piatto. La nostra scelta è caduta sui fegatini di pollo, un ingrediente poco costoso, esaltato con dei tocchetti di zucca arrostiti che andassero a bilanciare con la loro dolcezza il retrogusto amarognolo dei fegatini. La ricetta a cui mi sono affidata per preparare i pici arriva da qui.




PICI CON FEGATINI DI POLLO E ZUCCA ARROSTITA


INGREDIENTI per 6-8 persone:

per i pici:
  • 400 g farina 00
  • 200 g semola rimacinata di grano duro
  • 3 cucchiai di olio extravergine di oliva
  • un pizzico di sale
  • acqua q.b.

per il sugo:

  • 600 g fegatini di pollo
  • 1 cipolla media
  • olio extravergine di oliva
  • 4 foglie di alloro
  • 1 cucchiaino di zucchero
  • noce moscata
  • brodo vegetale (acqua, 1 carota, 1 cipolla, 1 pezzetto di sedano) 1 bicchierino di grappa di moscato
  • sale
  • pepe
  • 400 g zucca
  • olio extravergine di oliva
  • 2 foglie di alloro
  • noce moscata
  • sale
  • pepe

PROCEDIMENTO:

Prepariamo i pici: sulla spianatoia create la fontana con le due farine, quindi aggiungete l’olio, un pizzico di sale e poca acqua ed incorporate la farina con una forchetta. Iniziate ad impastare aggiungendo lentamente altra acqua. La quantità di acqua dovrete dosarla voi, per il fatto che diverse farine hanno diverso potere di assorbimento, quindi dovrete aggiungere tanta acqua da ottenere un impasto morbido e malleabile.

Continuate ad impastare per una decina di minuti fino ad ottenere un impasto liscio ed omogeneo. Avvolgetelo nella pellicola e lasciatelo riposare per mezz’ora sulla spianatoia. 




Trascorso il tempo di riposo potete iniziare a creare i vostri pici. Staccate una pallina di impasto, stendetela col mattarello ad uno spessore di mezzo centimetro quindi con un coltello dividete la pasta in strisce larghe un centimetro. Prendete un pezzetto di pasta ed iniziate a rotolarlo sulla spianatoia sotto i palmi delle vostre mani in modo da assottigliarlo e allungarlo fino ad uno spessore simile a quello di un bucatino. Via via che tirate i vostri pici, disponeteli sulla spianatoia ben spolverati di semola o anche di farina fioretto per evitare che si attacchino tra loro.
Ripete questi passaggi fino ad esaurimento dell’impasto.

Preparate ora il sugo. Preparate un brodo vegetale con carota, cipolla e sedano che poi utilizzerete per allungare il sugo. Dividete i vostri fegatini in due parti: una parte tritateli finemente a coltello, l’altra parte tagliateli a tocchetti non troppo grandi.

In una padella soffriggete la cipolla tagliata a rondelle sottili con olio extravergine di oliva, a cui aggiungerete poi 2 foglie di alloro e un cucchiaino di zucchero. Aromatizzate con una spolverata di noce moscata, allungate con un mestolino di brodo e aggiungete i fegatini tritati. Alzate la fiamma e sfumate con la grappa di moscato. Trascorsi 5 minuti, abbassate la fiamma e aggiungete la seconda parte di fegatini (quelli a tocchetti), aggiustate di sale e pepe e portate a cottura il sugo aggiungendo altro brodo vegetale se è necessario. In totale ci vorranno circa 35-40 minuti di cottura.

Mentre cuoce il sugo, preparate la zucca: pelatela e tagliatela a tocchetti piccoli. Trasferitela in una teglia coperta con carta forno, conditela con olio extravergine di oliva, 2 foglie di alloro, una spolverata di noce moscata, sale e pepe. Quindi cuocetela in forno già caldo a 180°C fino a che risulterà ben arrostita.

Cuocete i pici in abbondante acqua salata, a cui aggiungerete un cucchiaino di olio extravergine di oliva per evitare che si attacchino, per 5-7 minuti (decidete il vostro giusto grado di cottura assaggiando). Quando verranno a galla e il bollore dell’acqua riprenderà dovrebbero essere pronti.

Scolate i pici, conditeli col sugo di fegatini, aggiungete la zucca e servite caldi.





Buon appetito!


Con questa ricetta partecipo al contest "La Mia Toscana" del blog "I biscotti della zia" in collaborazione con VersiliaFormat:


http://ibiscottidellazia.blogspot.it/2015/01/la-mia-toscana-un-nuovo-contest-tutto.html




 

13 commenti:

  1. Adoro i pici!! Mi ricordano le numerose permanenze in Val D'Orcia, con la loro consistenza unica e il ragù di chianina <3 Questa versione mi manca, ma ha tutta l'aria di essere deliziosaa! :) Un abbraccio e auguri di pronta guarigione al tuo bel nanetto :))

    RispondiElimina
  2. CHe bei ricordi e che belli i momenti passati insieme in cucina!
    Questa è una di quelle paste che adoro e l'ho fatta la prima volta proprio a partire dalla ricetta che tu proponi. Perfetti! Il condimento è molto gustoso, bella l'idea della zucca arrostita.
    Bacioni cara e buon lunedì!

    RispondiElimina
  3. Grazie x avermi regalato questa bellissima ricetta :-) Profuma proprio di Toscana, sia il piatto che il vostro racconto :-)
    Complimenti e se vi va avete tempo fino al 26 di marzo x un'altra proposta ^_^
    Buona settimana <3

    RispondiElimina
  4. Un ottimo piatto! Non mangio i pici da troppo troppo tempo :)
    Un bacio :)

    RispondiElimina
  5. Che piatto strepitoso, dal gusto forte, deciso, che sa di casa, di famiglia..
    E le foto? non so più che aggettivi utilizzare...
    Siete bravissimi! :)

    RispondiElimina
  6. Che bontà!!!! Quanto mi piace la pasta fatta in casa e i fegatini di pollo....che fame che mi viene adesso!
    Bravissima!
    Stef.

    RispondiElimina
  7. Una pasta preparata in maniera impeccabile e un sugo saporito e invitante, complimenti a voi per ricetta e foto!!!
    Un bacione a tutti

    RispondiElimina
  8. che meraviglia di piatto...e che bella la vostra sinergia, il vostro collaborare insieme...
    Guardate che risultato!
    Un abbraccio a voi e uno speciale ai nanetti influenzati...ne so qualcosa, io sono in ballo da due settimane e ancora non ne sto venendo fuori, sob!

    RispondiElimina
  9. I fegatini fatti in questo modo sono una meraviglia... un piatto povero e tradizionale che non va perduto.. complimenti a tutta la famiglia^^
    a presto cari :*

    RispondiElimina
  10. É molto bello condividere la passione per la cucina e ricordare i vecchi tempi, siete una bella famiglia! Complimenti per il piatto che ci avete proposto! Un abbraccio :

    RispondiElimina
  11. Buonissimo questo piatto cara.. :-PP
    Sempre super!!! :-))
    Bacioni

    RispondiElimina
  12. I pici sono molto usati in certe zone della Toscana. Ti sono venuti benissimo e anche il sugo che hai scelto per portarli in tavola è adattissimo.
    Tantissimi Auguri di Buona Pasqua!

    RispondiElimina
  13. Complimenti sia per la ricetta che per la presentazione. Non vedo l'ora di provarla. Grazie infinite!

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...