giovedì 21 marzo 2019

FETTE BISCOTTATE TRICOLORE...per Il Granaio!

Ciao a tutti!

Ecco un nuovo appuntamento con la rubrica Il Granaio – Baking time, oggi ci dedichiamo al momento della giornata che preferisco, la colazione, e prepariamo insieme delle golose Fette biscottate tricolori.
 


Vi avrò raccontato mille volte che amo molto il momento della colazione, un momento tranquillo, egoisticamente tutto mio, subito dopo la frenesia dell’inizio della giornata.
 


La sveglia suona alle 6.30 e nell’ora successiva è un tutto un gran trambusto, gente che non trova i vestiti seppelliti sotto una montagna di altri vestiti (perché non sia mai che qualcun altro, oltre a me, riponga uno straccetto al suo posto), urli per avere il bagno libero, Molly che reclama la sua prima uscita della giornata, le colazioni da preparare, le merende da mettere negli zaini, gli ultimi ripassi delle lezioni, i capelli da acconciare (code alte, basse, medie...nemmeno fossi una parrucchiera avrei tante richieste). 





Insomma un vero caos che per magia quando il fotografo sentenzia “Andiamo” si interrompe e, dopo il rito dei baci ed abbracci a figli e marito come se partissero per un viaggio di mesi e non solo per poche ore di scuola o lavoro, posso finalmente godermi la mia colazione!!! 
Sìììì finalmente un po’ di tranquillità io e Molly!!! 
Ahahahhahaha! Che madre e moglie degenere eh!!!



Oggi per questo magico momento prepariamo delle fette biscottate speciali, a tre gusti, arricchite con caffè e cacao, una vera golosità!
 

 



FETTE BISCOTTATE TRICOLORI

Idea presa dal blog Dal dolce al salato con Lucia

INGREDIENTI per due stampi 10x10x30:

IMPASTO BIANCO:

  • 350 g farina tipo 1
  • 130 g acqua
  • 80 g yogurt alla vaniglia
  • 30 g olio extravergine di oliva
  • 5 g sale
  • 3 g malto
  • 1 g lievito birra disidratato

IMPASTO AL CAFFÈ:
  • 350 g farina tipo 1
  • 80 g yogurt alla vaniglia
  • 50 g acqua
  • 50 ml caffè espresso zuccherato
  • 30 g olio extravergine di oliva
  • 4 g sale
  • 3 g malto
  • 1 g lievito birra disidratato
  • 1 cucchiaino di caffè solubile

IMPASTO AL CACAO:
  • 300 g farina tipo 1
  • 100 g acqua
  • 80 g yogurt alla vaniglia
  • 30 g olio extravergine di oliva
  • 30 g cacao in polvere
  • 4 g sale
  • 3 g malto
  • 1 g lievito birra disidratato

PROCEDIMENTO:

Dovrete preparare tre impasti diversi.

Impasto bianco. Nella ciotola dell’impastatrice aggiungete tutti gli ingredienti tranne acqua, sale e olio. Azionate l’impastatrice alla prima velocità quindi aggiungete l’acqua. Quando l’impasto inizia a formarsi aggiungete il sale. Quindi per ultimo l’olio a filo, poco alla volta, dando tempo all’impasto di assorbirlo. Aumentate la velocità e portate ad incordatura, dovrete ottenere un impasto liscio ed omogeneo e la ciotola dell’impastatrice pulita. Trasferitelo sulla spianatoia, date due giri di pieghe quindi forma a palla e ponetelo in una ciotola leggermente oliata coperto con pellicola.

Passate all’impasto al caffè. Preparate una tazzina di caffè espresso (sono circa 50 ml), zuccheratelo, aggiungete il cucchiaino di caffè solubile, mescolate bene e fate raffreddare leggermente.

Nella ciotola dell’impastatrice, mettete tutti gli ingredienti tranne acqua, sale e olio. Azionate l’impastatrice ed aggiungete l’acqua (anche non tutta se non serve). Quando l’impasto inizia a prendere forma aggiungete il sale. Infine per ultimo aggiungete l’olio a filo facendolo piano piano assorbire all’impasto. Aumentate la velocità, se necessario fermate la macchina e con un tarocco staccate l’impasto dal gancio e ribaltatelo quindi ripartite ad impastare, e portate ad incordatura, otterrete un impasto liscio ed omogeneo perfettamente staccato dalle pareti. Trasferitelo sulla spianatoia, giri di pieghe, forma a palla e riponetelo in una ciotola unta con poco olio e coperta con pellicola.

Impasto al cacao. Ripetete gli stessi passaggi dei precedenti impasti, ponete l’impasto finito in una ciotola leggermente unta e coperta da pellicola.

Ora potrete porre a lievitare i vostri impasto in luogo caldo fino al raddoppio (circa 2 ore e mezza) oppure riporre i vostri impasti per una notte in frigo (io ho impasto al mattino presto, messo in frigo e continuato la sera). Dopo il riposo in frigo gli impasti vanno fatti riacclimatare almeno un'oretta prima di proseguire con la formatura.

Una volta lievitato dividete ogni impasto in due parti uguali aiutandovi con una bilancia.

Per fare le fette a spirale, dovrete stendere l’impasto bianco in un rettangolo con un lato uguale al lato più lungo del vostro stampo (quindi 30 cm) fino ad uno spessore di circa mezzo centimetro. Quindi fate la stessa cosa con l’impasto al caffè e con quello al cacao. Sovrapponeteli uno all’altro e partendo dal lato di 30 cm arrotolateli su se stessi ben stretti, non dovrà rimanere aria tra le spire. Trasferite il cilindro così ottenuto in uno stampo coperto con carta forno (oppure imburrato se preferite), coprite con pellicola quindi ponete a lievitare al caldo (a 28°C ad esempio nel forno con lucina accesa) fino al raddoppio (prendete come riferimento il bordo dello stampo). Una volta lievitato eliminate la pellicola e lasciatelo all’aria per una decina di minuti e spennellate con poco olio. Potrete ora cuocere.

Per fare le fette "a palline", dovrete prendere ogni impasto e dividerlo in dieci parti da cui formerete dieci palline (fate un giro di pieghe e pirlate ogni pezzetto). Otterrete in questo modo 30 palline complessive.
 

Prendete ora lo stampo, io ho usato uno stampo a cassetta chiuso da 30x10x10 cm, foderatelo di carta forno (o imburratelo se preferite) e disponete le palline alternando i colori, dovrete disporre le palline su due piani di 15 palline ciascuno (più facile a farsi che a dirsi!).
 

Coprite con pellicola e ponete a lievitare al caldo (a 28°C, ad esempio il forno chiuso con lucina accesa) fino a che l’impasto raggiungerà i due terzi dello stampo. Lasciate senza pellicola per una decina di minuti quindi chiudete lo stampo (ricordatevi di imburrare anche questa parte) e siete pronti a cuocere.

Infornate in forno già caldo statico a 180°C per circa 45 minuti con lo stampo chiuso, nello stampo aperto sono sufficienti 35-40 minuti, fate attenzione che nello stampo aperto la superficie non si colori troppo (se succede copritela con un foglio di alluminio).
 

Una volta cotti lasciateli pochi minuti nello stampo fuori dal forno, quindi estraeteli delicatamente e poneteli a raffreddare su una gratella per tutta la notte o almeno per 5-6 ore prima di tagliarli.
 

Fate fette di uno spessore omogeneo, per me circa mezzo centimetro, quindi trasferitele su una placca da forno e fatele tostare in forno a 150°C per circa 30 minuti, a metà tostatura girate le fette.

Riponetele in una scatola ermetica per gustarle alla vostra prossima colazione.

Nota:
- nello stampo 10x10x30 cm dovrete mettere non più di 1 kg di impasto; in uno stampo più piccolo ad esempio 10x10x20 cm ne saranno sufficienti 700 g. Rispettate queste quantità se utilizzerete uno stampo chiuso a cassetta, altrimenti otterrete fette con alveolatura non omogenea ma molto compatta vicino alla crosta.




Buon appetito!


Ed infine ecco il paniere completo di questo appuntamento:




Da Carla: Focaccia saporita con mammole e olive
Qui da noi: Fette biscottate tricolore
Da Natalia: Pane al latte con metodo tangzhong
Da Sabrina: Panbauletto maltato
Da Simona: Pane musichiere
Da Zeudi: Cracker al pomodoro



Seguiteci sulla nostra pagina FB IL granaio - Baking time per non perdere le novità.






Se volete essere sempre informati sui nuovi post di Fotocibiamo, vi ricordiamo che potete trovarci sulla nostra Fanpage di Facebook.





Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...