lunedì 25 settembre 2017

FRANDURA

Ciao a tutti!

Conoscete la Frandura? Immaginate di tornare al lontano 1800, a Montalto Ligure, un paesino dell’entroterra imperiese a metà della valle Argentina, arroccato su un colle che la sovrasta.
 


Un ambiente contadino, semplice, povero. Sembra che i contadini di questo ameno borgo, nelle loro giornate di lavoro si sfamassero proprio con la frandura: una torta salata fatta di soli 4 ingredienti (escludendo sale e olio) in cui le patate sono protagoniste in un prodotto di una semplicità disarmante.

Oggi la Frandura è diventata simbolo di Montalto tanto che in agosto viene organizzata una sagra interamente dedicata a lei.
 


Le patate furono importate in Europa dalle Ande alla metà del Cinquecento ad opera degli spagnoli, ma in Liguria iniziarono ad essere utilizzate solo alla fine del Settecento quando don Michele Dondero, parroco di un paesino della valle Fontanabuona, riuscì con non poche difficoltà a farle apprezzare ai suoi parrocchiani. Da lì lentamente si distribuirono in tutta la Liguria assumendo grande importanza nell’alimentazione, prova ne sono le mille ricette della nostra tradizione con le patate come protagoniste: ad esempio focaccia di patate e torta Baciocca per dirne due.

Ora non avete scuse nella Giornata nazionale della Patata. Preparate patate, latte, farina e formaggio e venite con me a preparare questa deliziosa torta, rimarrete stupiti dalla sua ricchezza.


FRANDURA

INGREDIENTI per una teglia diametro 34 cm (5 persone):

  • 850 g patate (al netto degli scarti)
  • 350 ml latte
  • 250 g farina
  • 100 parmigiano reggiano (in origine pecorino)
  • olio extravergine di oliva 
  • noce moscata (mia aggiunta)
  • sale q.b.

PROCEDIMENTO:

Sbucciate le patate e con l’aiuto di una mandolina tagliatele a fettine molto sottili, circa 2 mm, e disponetele a spina di pesce (cioè leggermente sovrapposte tra loro) in una teglia precedentemente unta di olio. Salate.

Per tradizione questa torta viene cotta nelle teglie di rame (i testi della farinata) ma se non li avete potete utilizzare una teglia di alluminio coperta di carta forno.

Preparate una pastella liquida con la farina, noce moscata e il latte, mescolate energicamente con una frusta a mano in modo da eliminare eventuali grumi. Aggiustate di sale.
 


Con questa quantità di patate si riescono a fare due strati. Completato il primo strato coprite le patate con poca pastella quindi continuate col secondo strato. Infine ricoprite il tutto con la pastella distribuendola su tutta la superficie. In realtà secondo la ricetta originale la pastella tra i due strati non viene messa, normalmente si dispongono tutte le patate e si copre con la pastella solo alla fine.

Cospargete la superficie con abbondante parmigiano reggiano grattugiato.

Cuocete in forno già caldo a 200°C per circa 30 minuti o comunque fino alla formazione di una croccante crosticina sulla superficie. Controllate con una forchetta la cottura delle patate prima di sfornare.

Va servita sia calda che fredda, qui hanno preferito la versione tiepida!


Note:

Come ogni ricetta della tradizione che si rispetti, anche la frandura ha mille varianti:

  • nella versione di Badalucco, un paesino vicino a Montalto, sembra che la frandura sia arricchita anche da due uova. Il procedimento è lo stesso ma nella pastella il latte si riduce a 250ml e vengono aggiunte 2 uova, creando una versione ancora più completa.

  • nella versione indicata nel “Codice della cucina Ligure”,pubblicato in schede da Il secolo XIX nel 1982, oltre a chiamarla Frandurà invece di Frandura, nella pastella vengono messe le uova come a Badalucco ed inoltre viene aggiunto un trito di pomodori, basilico, prezzemolo e una spolverata di noce moscata. 

Insomma una torta che vista la sua semplicità, si presta ad un interminabile numero di variazioni, il fotografo già se la immagina con uno strato di gorgonzola tra i due strati di patate!



Buon appetito!


Con questa ricetta partecipo al Calendario del Cibo Italiano e ai festeggiamenti della Giornata Nazionale del Patata.




30 commenti:

  1. Belandi il fotografo che furbo!
    Si presenta splendida; il testo c'è, le patate anche... mi sa che la faccio pure io copiandotela spudoratamente!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahhah!!!
      Provala Silvia...è una vera sorpresa!!!
      Qui è piaciuta a tutti....e ti garantisco che è un vero record!!!

      Un abbraccio grande
      Monica

      Elimina
  2. Questa preparazione a me sconosciuta mi incuriosiva molto, adesso che leggendo la ricetta gustando le foto meravigliose so che la proverò prestissimo
    Grazie per questo bellissimo contributo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Manu! È sorprende nella sua semplicità...assolutamente da provare e arricchire in mille varianti!!!

      Un abbraccio e grazie a te
      Monica

      Elimina
  3. Fan-ta-sti-ca!!!
    Non la conoscevo e la trovo un'appetitosa alternativa alla "solita" baciocca che va più dalle nostre parti a levante...
    La proverò senz'altro: la versione con pomodorini e, molto probabilmente, anche quella col gorgonzola!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Incredibile la varietà di piatti che a nostra regione ci offre!!!
      La versione col gorgonzola è una nostra follia...ma è una goduria!!! Ahahhahaha!!!

      Un abbraccio
      monica

      Elimina
  4. che bella! e che buona mi immagino, anche la versione con il pomodoro o con il gorgonzola e perchè no anche il taleggio o la fontina....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È talmente semplice che ci si può sbizzarrire...ma ti assicuro che già la versione base è da urlo!!! :D

      Elimina
  5. Magnifica e invitante. Sarà la bravura del fotografo, ma... ho finito di pranzare da poco e ne mangerei una intera!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahahhaha!!! No no è la golosità della torta!!! Aahahahahh!! Sono di parte lo so!!!

      Elimina
  6. A prima vista mi sembrava la farinata poi leggendo ho visto che cosi non
    è e ho conosciuto un nuovo piatto ha un aspetto invitante !,
    L unica cosa che ha in comune cin la farinata la teglia !!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto è proprio lui il testo della farinata!!! :D

      Elimina
  7. Ho la bava alla bocca! Io amo le cose semplici e questa è da provare assolutamente SLURP
    Complimenti
    Michela

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Qui la semplicità è totale...il gusto poi ti stupisce!!!

      Elimina
  8. Io questa ve la rubo senza dubbio!! Superlativo come sempre il testo così come le foto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E fai bene!!! Vedrai che non ti deluderà!!!

      Un bacione Monica
      Monica

      Elimina
    2. L'ho fatta ieri sera e ce la siamo spazzolata e l'ho replicata oggi a pranzo su richiesta delle mie ragazze. Lo posso dire che è stato un successone? Non sono nemmeno riuscita a fotografarle per la fretta :). Quella del pranzo l'ho fatta con le uova e il prezzemolo. Divine entrambe. Grazie per la ricetta e non mi resta che farla una terza volta e fotografarla.
      Un abbraccio cara

      Elimina
    3. Grandissima!!! Hai visto...lo avevo detto che ti avrebbe sorpresa!!!

      Elimina
  9. Le foto come al solito sono da sballo e questa frandura io mica la conoscevo! Credo sia qualcosa di super buono, un po' come il mio amato sformato di patate. Uno di quei cibi che creano dipendenza!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma grazieeee...si è proprio vero è da sballo!!! :D

      Elimina
  10. usignur!!!! Quessta deve essere spaziale!!!

    RispondiElimina
  11. beh, che devo dire? La frandura, la conoscevo già, anche se la mia era... decisamente più ruspante della tua, con tutte le fettine messe in ordine, ben accavallate. Già solo per questo Ti lovvo, come direbbero i ragazzi di oggi. Ma insomma, poi non è proprio che Ti lovvo, sarebbe meglio dire Vi lovvo. Siete una coppia fantastica, chi con la ricetta, chi con le foto. Che ovviamente sono meravigliose. Siete riusciti a nobilitare questo piatto povero, contadino, ma (qui occorre dirlo) saporitissimo. La devo rifare... ora mi avete messo una voglia!!! Un bacione :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fausta la Frandura è stata un vero successo qui....

      Un abbraccio enorme
      Monica

      Elimina
  12. Ohhh ma questa specialità è da provare, mi attira la versione Frandurà!! Sarà presto sulla mia tavola, grazie!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Prova anche la versione semplice vedrai che ti sorprenderà!!!

      Elimina
  13. f
    Fatta con aggiunta di maggiorana.....(persa)...ci sta' divinamente !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La persa è assolutamente un'ottima idea!!!
      Grazie Edy!!!

      Un abbraccio e buon fine settimana
      Monica

      Elimina
  14. Risposte
    1. Vedrai che non ne rimarrai deluso!!! :D

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...