martedì 27 marzo 2018

LE MIE EMPANADAS DI MANZO...per il Club del 27!

Ciao a tutti!

Questa settimana siamo decisamente internazionali. Dopo aver fatto un salto in Gran Bretagna per un Afternoon Tea, oggi vi portiamo in Argentina per scoprire le Empanadas di manzo.
 


Con gli amici del Club del 27, questo mese, avevamo la possibilità di scegliere una ricetta tratta dal libro “The Perfect Eggs” scritto a due mani da T.I.Fisher e J.Park. Una raccolta di ricette che hanno come protagonista le uova sia in preparazioni quotidiane che più innovative.
  


banner della mitica Mai

Tra le varie golose proposte del libro, noi abbiamo scelto le Empanadas di manzo argentine. 
Qui trovate tutte le altre strepitose proposte. 




Le Empanadas sono mezzelune di pasta lunghe 12-15-cm ripiene di carne, sono tra i piatti più famosi della cucina argentina, cucina che ha avuto una forte influenza europea, soprattutto spagnola, dovuta alle colonizzazioni subite nel corso della sua storia. Vengono cotte sia al forno, dopo essere state spennellate con uovo sbattuto, che fritte.
 


Per tradizione le empanadas venivano preparate dalle donne per festeggiare il ritorno degli uomini, che per periodi lunghi rimanevano nelle pampas con le mandrie. Il nome deriva dal castigliano “empanar”, cioè racchiudere un ripieno in un impasto di pane.

Vengono preparate con diversi ripieni, a seconda della zona di provenienza, e a seconda del ripieno vengono chiuse diversamente, tecnica che permette poi di riconoscerle una volta cotte. Ad esempio, quelle con carne si chiudono a mezzaluna ed il bordo viene attorcigliato su se stesso formando una treccia. In quelle al formaggio, dopo essere state chiuse a mezzaluna, le due punte vengono riunite tra loro. Quelle agli spinaci, si chiudono verso l’alto a formare una cresta. (fonte QUI ).
 


I nanetti di casa hanno molto gradito questa ricetta, ed anche i grandi ne sono stati parecchio felici. Per quanto riguarda la forma delle mie empanadas: sicuramente devo esercitarmi ancora, la treccia delle mie empanadas ha avuto qualche problema!



EMPANADAS DI MANZO

Ricetta tratta dal libro “The perfect Egg” T.l.Fisher & J.Park, ed. Ten Speed Press


INGREDIENTI

Per l’impasto:

  • 320 g farina (2¼ cups)
  • 7 g sale (1 ½ teaspoons)
  • 110 g burro non salato freddo, tagliato a cubetti (1/2 cup)
  • 1 uovo
  • 70 g acqua gelata (1/3 cup)
  • 11 g aceto di mele (1 tablespoon)
Ripieno:
  • 2 cucchiai di olio extravergine di oliva (2 tablespoons)
  • 1/2 poblano Chile (peperoncino, potrebbe essere simile al Jalapeno), tagliato a dadini
  • 50 g chicchi di mais freschi (1/3 cup)
  • 1/4 cipolla dorata, tritata
  • 1 pomodoro, tagliato a cubetti
  • 1 spicchio d’aglio, tritato
  • 225 g carne di manzo macinata (8 ounces)
  • 1 cucchiaino e mezzo di concentrato di pomodoro (1 ½ teaspoons)
  • origano fresco (1 tablespoon + 1 teaspoon)
  • Sale e pepe nero appena macinato
  • 3 uova bollite, private della buccia e tritate
  • 20 olive verdi in salamoia, denocciolate e tritate
  • 1 uovo, leggermente sbattuto con 2 cucchiai d’acqua per lucidare la superficie

  • Olio di semi di arachidi, per la frittura 

PROCEDIMENTO:

Nella ciotola del frullatore unite la farina e il sale, mescolateli e aggiungete il burro freddo tagliato a cubetti. Azionate il frullatore. Otterrete un composto granuloso.

Sbattete insieme uovo, acqua e aceto (l'acqua non mettetela tutta in una volta, dovrete ottenere un impasto asciutto che vi permetta poi di modellarlo, il mio era troppo morbido ed infatti la forma delle mie empanadas non è delle migliori). Unite questo composto di uova alla miscela di farina e azionate ancora il frullatore ad impulsi. Otterrete una massa ruvida.

Trasferite l’impasto su una superficie infarinata e impastare brevemente fino a renderlo omogeneo, facendo attenzione a non maneggiarlo eccessivamente così che la pasta rimanga morbida.

Spianate l’impasto in un disco spesso, avvolgetelo in pellicola per alimenti e conservare in frigorifero per almeno un’ora ma anche fino a un massimo di due giorni.

Preparate il ripieno:

scaldate in una padella ampia l’olio extravergine di oliva a fuoco medio-alto. Aggiungete il peperoncino, il mais, la cipolla, il pomodoro e l’aglio e fate soffriggere per circa 3 minuti.

Aggiungete la carne di manzo tritata e continuate a rosolare, sgranate la carne con un cucchiaio di legno e fatela ben rosolare. Aggiungete il concentrato di pomodoro e l’origano e aggiustate di sale e pepe. Abbassate il fuoco e aggiungete uova ed olive mescolando bene.

Dovrete ottenere un impasto piuttosto asciutto e la carne ben cotta ed amalgamata a tutti gli altri ingredienti. Levate dal fuoco e lasciate raffreddare per almeno 30 minuti il ripieno prima di riempire le empanadas.
 


Per riempire le empanadas:

trasferite l’impasto su una superficie infarinata e lasciatelo a temperatura ambiente per almeno 15 minuti prima di lavorarlo. Trascorsi i 15 minuti, con l’aiuto di un matterello stendetelo in una sfoglia sottile e con un coppapasta (diametro 12-15 cm) ricavatene tanti dischi. Impastate nuovamente gli scarti della pasta, stendetela nuovamente e ricavate di nuovo dei dischi con l’aiuto del coppapasta. Procedete in questo modo fino ad esaurimento della pasta.

Spennellate l’intero bordo dei dischi d’impasto con l’uovo, quindi mettete un po’ di ripieno al centro del disco di pasta. Piegate l’impasto sul ripieno come a formare una mezzaluna e sigillate con i rebbi di una forchetta per bene le due metà, quindi attprcigliate i bordi a formare una specie di treccia. Ripetete tutte le operazioni fino a terminare tutti gli ingredienti.
 


Friggete le empanadas in abbondante olio di semi di arachidi prima da un lato, poi dall’altro.
Servite calde.
Nota: 
Ho utilizzato per le mie empanadas olive nere, al momento di preparare il ripieno mi sono accorta che un topolino di casa aveva mangiato tutte le olive verdi ahimè!






























Buon appetito!






20 commenti:

  1. Troppo buone!!! E non perché fritta è buona anche una scarpa! Quelle sono buonissime davvero!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Neanche il tempo di friggerle ed erano già finite!!!!

      Elimina
  2. Non so da dove iniziare...dalle olive, allora. Secondo me le nere ci stanno ancora meglio, perciò le farei così anch'io...e la treccia, qual è il problema??? Non toglie nulla al sapore. Sono davvero fantastiche, sarà anche la bravura del fotografo, ma ho l'acquolina. Proverò a sglutinarle e ne riparliamo a pancia piena!! Complimenti. Super bravi ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahah!!! Certo che no...ma vuoi mettere una bella treccia ordinata e composta!!?? Tutta un'altra scena!!!! Sarebbero state anche molto più fotogeniche!!! AHahhahhahahah!!! Hai ragione le olive nere ci stavano stra-bene!!! Qui a casa quando devo preparar qualcosa devo blindare tutti gli ingredienti in un armadio...altrimenti tutti i miei topini fanno strage!!! E per fortuna avevo le olive nere!!! :P

      Un abbraccio e grazie!! <3
      Monica

      Elimina
  3. Davvero invitanti le tue empanadas e accompagnate da una birra gelata irresistibili! Brava.

    RispondiElimina
  4. mmmm che buone! Sicuramente da provare, grazie!

    RispondiElimina
  5. mamma mia mi mangerei lo schermo ^__^ complimenti!!

    RispondiElimina
  6. sfiziose! e ben accompagnate. Che fame!

    RispondiElimina
  7. che meraviglia queste empanadas

    RispondiElimina
  8. Sai che no le ho mai fatte? Penso che i nostri "pidoni" messinesi derivino proprio da questa ricetta. In versione povera.

    RispondiElimina
  9. Ora io sento una irrefrenabile voglia d'insultarti; per la riuscita delle empanadas, per l'aria da loft newyorkese che la foto e pure per la birretta che le accompagna. Ma mi trattengo e vi dico solo che voi di Fotocibiamo siete bravi da far schifo. :-*

    RispondiElimina
  10. No, va beh... ma giusto anche nel sacchetto le hai messe? fai spedizioni? ahahahah...troppo belle... e chissà che meraviglia mangiarle :-)

    RispondiElimina
  11. Passione per il fritto cel'ho, per la birretta ce l'ho... e per gli scatti fotografici interessanti anche
    quindi ti dico complimentiiii!!
    Mi piace un sacco la tua proposta!!!
    Auguri

    RispondiElimina
  12. Il primo piano sul ripieno mi ha mandato in tilt, non riesco a parlare, ma solo a salivare...

    RispondiElimina
  13. Eccola là! Te pareva che non dovessi sbavare anche qui! E va bhe'... mi tocca fare anche queste, ho capito!

    RispondiElimina
  14. Che belline che vi sono venute, e così piccole, che invogliano a prenderne un'altra e poi un'altra ancora...

    RispondiElimina
  15. Io le trovo perfette! Chissà che bontà :)
    Buona Pasqua

    RispondiElimina
  16. Con queste foto stupende manca poco che lecco lo schermo! Favolose Monica, veramente buonissime. Complimenti

    RispondiElimina
  17. Complimenti per la presentazione! Viene proprio voglia di avere quel sacchettino a portata di mano

    RispondiElimina
  18. Di queste una tira l'altra. Sono uno di quei cibi di cui ti innamori e quando le fai vorresti non finissero mai!! Segno la ricetta così provo anche questa versione che tu hai realizzato davvero bene! Buona domenica :-)

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...