martedì 24 maggio 2016

CHEESECAKE ERBORINATO

Ciao a tutti!

Eccoci arrivati all’appuntamento con la sfida MTChallenge.
Annalù e Fabio i vincitori del mese scorso questo mese hanno scelto il CHEESECAKE come sfida per MTC n°57!

Il cheesecake può essere sia dolce che salato ma in entrambi i casi è costituito da una base o un guscio di pasta sovrastato da uno strato piuttosto alto di crema di formaggio fresco, zuccherato o no a seconda della tipologia e aromatizzato. Naturalmente le varianti sono moltissime a partire dalla base che può essere fatta da biscotti sbriciolati e ricompattati dal burro, oppure una frolla ma anche un biscuit o addirittura un pan di spagna. E anche sui formaggi c’è l’imbarazzo della scelta, solitamente si usano formaggi freschi e molto morbidi che permettono di creare una crema.




L’idea del nostro cheesecake nasce dalla nostra passione per i formaggi e per i vini, capita spesso che si organizzino cene a base di formaggi e confetture varie e vini. L’abbinamento tra un formaggio erborinato e un vino da meditazione quale può essere il passito o anche un recioto o il ramandolo può essere un fine pasto parecchio trasgressivo.

Il formaggio scelto da abbinare alla ricotta, secondo noi più indicata per quello che avevamo in mente rispetto ad un cream cheese, è un gorgonzola piccante. Un formaggio a pasta cruda di colore biancastro screziato da venature verdi dovute al processo di erborinatura che si ottiene tramite muffe. La sua stagionatura si protrae per oltre 80 giorni.
 

Le caratteristiche di grassezza, succosità e sapidità di questo formaggio richiedono un vino che sappia esaltare ma allo stesso tempo contrastare il tutto e quindi abbiamo completato il nostro cheesecake con una gelatina di vino passito.

Il passito di Pantelleria è un vino molto antico prodotto da una particolare varietà di uva detta Zebibbo, la sua produzione risale a più di duemila anni fa. È un vino dal colore dorato con toni ambrati, il suo sapore intenso e persistente con un perfetto equilibrio tra dolcezza e piacevole freschezza è splendido se accompagnato da formaggi erborinati oltre che da solo come vino da meditazione ma anche insieme alla pasticceria fresca o anche secca.
 


Scelto il formaggio e il topping, ci serviva una base in cui inserire qualcosa di croccante per contrastare la cremosità del resto della nostra creazione, così nella base oltre che aver utilizzato dei crackers salati rimpastati col burro abbiamo aggiunto delle noci tritate grossolanamente.

Nulla di eccezionale dal punto di vista della sperimentazione e degli abbinamenti ma davvero goloso per quanto riguarda l’appagamento del palato!

La nostra idea è quella di servire il cheesecake come antipasto o in un buffet salato pensando ad una versione fingerfood.


CHEESECAKE ERBORINATO


INGREDIENTI per uno stampo diametro 10,5 cm alto 5 cm:

per la base:

  • 40 g crackers salati
  • 35 b burro freddo
  • 30 g noci
per la crema al formaggio:
  • 140 g ricotta vaccina
  • 100 g gorgonzola piccante
  • 40 ml latte
  • 3 g gelatina in fogli
gelatina di passito:
  • 100 ml passito liquoroso di Pantelleria
  • 3 g gelatina in fogli

PROCEDIMENTO:

Tritate grossolanamente a coltello le noci. Frullate i crackers con il burro freddo, trasferite in una ciotola, aggiungete le noci e mescolate bene.

Rivestite di carta forno il fondo e poi le pareti (lasciate la carta forno più alta di qualche cm rispetto al bordo della teglia) di una teglia apribile o un coppapasta (diametro 10,5 cm e alto 5 cm) iniziate a compattare il composto crackers, noci e burro sul fondo creando la base del vostro cheesecake. Se volete un cheesecake con pareti perfettamente lisce dovrete coprire le pareti con un foglio di acetato alimentare, io volevo avere un aspetto più rustico ed ho scelto la carta forno. Non mettete tutto il composto in una sola volta nella teglia, aggiungetelo poco per volta compattando sempre aiutati da un batticarne ad ogni aggiunta. Riponete in frigorifero.

Preparate il composto di formaggio frullando velocemente e non troppo a lungo ricotta e gorgonzola insieme. Ponete la gelatina in un bicchiere con poca acqua in modo che si ammorbidisca. Scaldate il latte e mescolando aggiungete la gelatina. Fate sciogliere la gelatina mescolando con un cucchiaio ed aggiungete questo composto ai formaggi. Mescolate il tutto con cura.
Non aggiungete sale, essendo il gorgonzola piccante molto saporito non dovrebbe essere necessario ma regolate a vostro gusto.

Riprendete la teglia con la base ormai rassodata e versatevi sopra il composto di formaggio. Livellate per bene la superficie aiutandovi con una spatola e riponete in frigorifero per almeno un’ora.

Infine preparate la gelatina di passito. La quantità è precisa per avere un giusto spessore di gelatina sul cheesecake che possa contrastare la grassezza della crema di formaggio. Ponete la gelatina ad ammorbidirsi in un bicchiere con poca acqua. Scaldate 40 ml di passito in cui poi andrete ad aggiungere la gelatina. Mescolate in modo da farla sciogliere completamente ed aggiungete il resto del vino. Mescolate ancora.

Riprendete la teglia con il cheesecake dal frigorifero, aggiungete tutta la gelatina di passito preparata e riponete ancora in frigo per almeno 3 ore.

Dopo il riposo con molta cautela sformate il cheesecake dalla teglia e ponetelo su un piatto da servizio. Prima di servirlo, lasciatelo fuori dal frigo almeno mezz’ora.




Buon appetito!


Con questa ricetta partecipo alla sfida n°57 dell'MTC di Annalù e Fabio del blog Assaggi di viaggio:






16 commenti:

  1. Vi odio entrambi! Per le belle foto e per le meraviglie che sfornate (o gelatinate)...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahhahah!!!
      E io ti abbraccio stretto stretto!!!

      Monica

      Elimina
  2. Monicaaaaaaaaas ma quella gelatina fi passito di Pantelleria cosa non eeeeeeeeeeeeee'????? Ho la bavaaa. Bravissima. Vale

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahhahahaahh!!! Vale!
      Sapessi il profumo...ho un debole anche per il vino!!! :P

      Un bacione
      Monica

      Elimina
  3. Meraviglioso, voi due create sempre dei capolavori.

    RispondiElimina
  4. mi piace moltissimo! vista e gusto!!! :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Francesca!!!

      Un abbraccio
      monica

      Elimina
  5. Adoro il gorgonzola; questa torta deve essere uno spettacolo di sapori.
    Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È goduriosa....ahimè!!! :P

      Un abbraccio
      monica

      Elimina
  6. Ma che ricetta sfiziosa ed originale!! Mi piace la base con i cracker.. ripieno formaggioso.. ma quella gelatina sopra di Passito... è una chicca!!!!!! smack

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cla come stai!!???
      IL colore della gelatina...il sole!!!

      Un abbraccio
      monica

      Elimina
  7. Anche noi siamo appassionati di formaggi e di vini. Gli erborinati poi ci fanno impazzire. E così mi immagino il formaggio che si accompagna al crackers, con affianco un bel bicchiere di passito che è l'abbinamento ideale per questo tipo di formaggio. Questo è un cheesecake con molto carattere.
    Grazie!

    Fabio

    RispondiElimina
  8. Nooooo ma voi siete troppo avanti! Il top!!
    Un bacio

    RispondiElimina
  9. Favolosa, ne immagino il sapore meraviglioso, complimenti !!!
    un bacione a tutti :)

    RispondiElimina
  10. Non mi sembra affatto che non abbiate sperimentato, anzi! Partendo dalla base, non vi siete limitati ai crackers, ma la avete arricchita con le noci, anch'esse abbinate benissimo al gorgonzola, che le hanno dato un'ulteriore croccantezza. Per il ripieno avete mescolato il gorgonzola, che avrebbe avuto un sapore un po' coprente, con la ricotta per bilanciarlo. E per il topping avete usato non un vino qualsiasi, ma un Passito di Pantelleria. C'è molto studio dietro al vostro cheesecake e non è da tutti. Vi dirò che ce lo vedo bene anche a fine pasto invece di servire i soliti formaggi.
    Una ricetta decisamente interessante ;-)
    Baci
    Anna Luisa

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...