domenica 17 febbraio 2013

CROQUEMBOUCHE.....salato!!!

Ciao a tutti!!!
Che week end!!! Sono soddisfatta...quello passato è stato un week end perfetto...no no non pensate che abbia fatto chissà che cosa...ma semplicemente tutto è andato come avevo programmato, senza imprevisti, senza rinunciare a niente....e non è poco visto i tre pargoli presenti in casa!!!
Sabato tutto molto tranquillo, mentre domenica avevo organizzato di fare un sacco di cose e ci sono, anzi ci siamo riusciti perché senza il mio fido fotografo non sarei riuscita a fare nulla!!!
Oggi la giornata è iniziata molto presto intorno alle 6, quando il mio caro bimbo ha deciso che era ora di fare colazione e quindi con un urlo straziante ha iniziato a piangere fino a quando una mamma un po’ assonnata (un eufemismo!!!) è arrivata con un super biberon di latte e lui ha potuto continuare il suo sonno tranquillamente fino alle 9.45.....E la mamma!!?? La mamma aveva troppe cose per la testa e non è più riuscita a prendere sonno, così ha deciso di alzarsi ed iniziare la giornata: avevo programmato di fare due ricette per il contest di Ema di Arricciaspiccia e così ho iniziato il lavoro. A metà mattina ho interrotto i lavori ed in enorme ritardo sono corsa a Messa, lasciando il fotografo con i pargoli con il compito di iniziare a preparare il pranzo gli avevo detto di bollire i cavoli e cuocere le cotiche che mia mamma ci ha portato ieri.....Era una cosa semplice ma si sa a lui le cose semplici non piacciono e quando sono arrivata i semplici cavoli bolliti erano diventati una cassoeula...ma si può!!??
Morale della favola dopo pranzo tra cassoela (un po’ rivisitata dall’ing) e il barolo (con cui l’ingegnere quasi sommelier di casa ha deciso di accompagnare il pasto)....sarei andata a dormire altro che lavorare!!! Mai lasciare carta bianca all’ingegnere non si sa mai cosa può inventare!!! Dopo un caffè triplo mi sono un po’ ripresa, sono riuscita a terminare la ricetta e il fotografo ha fatto le sue foto...ma che fatica!!!!


Anche la ricetta di oggi come vi ho anticipato prima, è stata preparata per il contest “Dolcemente salato” del blog Arricciaspiccia in collaborazione con l’azienda agricola Mariangela Prunotto.
Questa volta abbiamo scelto di utilizzare tra le quattro possibilità date: la gelatina di dolcetto...non l’avevo mai provata, mi è piaciuto molto...la sensazione è quella di “mordere” il vino!!!
Non so bene come ci sia venuta l’idea, abbiamo iniziato a pensare cosa preparare, abbiamo pensato alla gelatina, quindi abbiamo pensato ad un bignè, poi al ripieno che doveva essere salato...insomma alla fine abbiamo pensato di giocare un po’ con una ricetta il Croquembouche che tradizionalmente è dolce. Infatti il Croquembouche un dolce Francese, il nome significa letteralmente “che crocca in bocca” e deriva dal metodo con cui viene preparato: il croquembouche non è altro che una piramide conica, più o meno grossa, fatta di bignè farciti con crema o panna e fissati uno sull’altro con del caramello. Una volta pronto, il Croquembouche viene decorato con lunghi filamenti di caramello. Così detto fatto!



Abbiamo preparato i bignè, abbiamo preparato un paté di fegatini di pollo aromatizzato al dolcetto d’Alba per riempire i bignè (qui sono intervenute le reminiscenze da sommelier del fotografo che ha abbinato al dolcetto, un vino rosso di grande struttura e dal piacevole retrogusto amarognolo, il fegato) , abbiamo utilizzato la gelatina di dolcetto per glassare ogni bignè, abbiamo preparato il caramello per formare i fili di decorazione...ed il gioco è fatto!! Il nostro Croquembouche salato è pronto...senz’altro più piccolo dell’originale ma a noi è piaciuto moltissimo!!!!!


CROQUEMBOUCHE.....bignè ripieni con paté di fegatini di pollo glassati con gelatina di dolcetto



INGREDIENTI per i bignè:
  • 120 ml acqua
  • 100 gr burro
  • 100 gr farina 00
  • sale q.b.
  • 3 uova medie (circa 50 gr l’una)

PREPARAZIONE:

In un pentolino capiente far scaldare l’acqua senza farla bollire. Aggiungere il burro freddo di frigorifero a pezzetti e un pizzico di sale. Mescolare fino a quando il burro sarà sciolto. Quindi portare a bollore, unire in una sola volta tutta la farina e mescolare energicamente. L’impasto è pronto quando si stacca dalle pareti della pentola. A questo punto mettere l’impasto in una ciotola (oppure utilizzate la planetaria) e con un frullino iniziare a impastare per qualche minuto, quindi aggiungere le uova una alla volta e aggiungere la seconda solo quando la precedente è ben assorbita. Deve avere una consistenza cremosa ma non troppo liquida. Trasferite l’impasto in una sacca da pasticcere con la bocchetta liscia e fare dei piccoli bignè direttamente su una teglia ricoperta di carta da forno. Cuocere nella parte centrale del forno a 220°C per 15-20 minuti in modalità statico.


INGREDIENTI per il paté di fegatini:

  • 400 gr fegatini di pollo
  • 3 foglie di alloro
  • ½ cipolla ramata di Montoro
  • olio extravergine d’oliva q.b.
  • sale q.b.
  • Dolcetto d’Alba
  • 200 gr burro
  • ½ tazzina di Dolcetto d’Alba
  • sale q.b.
  • pepe q.b.
  • gelatina di Dolcetto di Mariangela Prunotto q.b.

per il caramello:
  • 100 gr zucchero semolato

Tritate la cipolla ramata e soffriggete nell’olio extravergine d’oliva, aggiungete le foglie d’alloro quindi rosolate i fegatini di pollo. Una volta rosolati bagnate col Dolcetto d’Alba, lasciate evaporare e portate a cottura aggiustando di sale.
Una volta cotti, trasferire i fegatini e il loro liquido di cottura in un mixer, aggiungete il burro a tocchetti, sale e pepe e iniziare a frullare. Ho aggiunto mentre frullavo ancora mezza tazzina di Dolcetto d’Alba per avere una consistenza più morbida del paté visto che dovevo poi riempire i bignè.

Trasferite il paté in una tasca da pasticcere e riempite i bignè facendo prima un piccolo forellino sul fondo.

Fate sciogliere a fiamma molto dolce la gelatina di dolcetto, quindi immergete la sommità di ogni bignè e porlo sul piatto di portata. Continuare così con tutti i bignè ponendoli uno sopra l’altro a formare una piramide. Una volta finiti i bignè, ho aggiunto su ognuno ancora un cucchiaino di gelatina per aumentare il contrasto con il paté interno.

A questo punto preparare il caramello: prendete un tegame dal fondo spesso e versateci dentro 100 g di zucchero (la quantità è indicativa infatti lo utilizzo solo per decorazione): ponetelo sul fuoco a fiamma moderata e, mescolando, fatelo sciogliere finché non raggiunga un bel colore ambrato tipico del caramello.
Lasciatelo raffreddare ed addensare un po’. Quando avrete finito di montare il Croquembouche prendete due forchette, poggiatele dorso contro dorso, ed intingete le punte nel caramello piuttosto denso; alzandole dal tegame noterete che si formeranno dei fili sottili con i quali dovrete decorare il Croquembouche a vostro piacimento.



Buon appetito!





Con questa ricetta partecipo al contest “Dolcemente salato” di Ema del blog Arricciaspiccia in collaborazione con l’azienda agricola Mariangela Prunotto:







Con questa ricetta partecipiamo al contest "Quinto Quarto (R)evolution" di Sabrina del blog “Les Madeleines di Proust” e di Cristina del blog “Insalata mista”:



42 commenti:

  1. Sei stata fantastica! Hai creato un capolavoro, mai e poi mai avrei pensato che fossero salati questi deliziosi bigne!
    Complimenti di cuore!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille Any!!!
      Sei molto gentile...

      Un abbraccio
      Monica

      Elimina
  2. Che meraviglia! Bravissima! Anche io ho usato la gelatina di Dolcetto.
    Buona settimana e a presto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Cadè!!
      A noi è piaciuta moltissimo la gelatina do dolcetto...sembra di dare un morso nel vino!!!!

      Buona settimana anche a te
      Monica

      Elimina
  3. bellissima e soprattutto buonissima! anzi perfetta....come il tuo week end!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Lucy!!
      Sì ogni tanto anche le ciambelle riescono col buco...il nostro week end è stato perfetto....

      Buon inizio settimana...
      Monica

      Elimina
  4. Stella.. che ricetta davvero strepitosa! :D Sono ammirata e ti faccio i miei più sinceri complimenti!! Un week end perfetto, sei riuscita a sopravvivere anche alla 'leggerezza' della cassoeula.. e hai dato il meglio di te! Bravissima! un inizio di settimana splendido, amica mia! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Ely!!!
      Ti assicuro che con la cassoeula è stata la battaglia più dura!!!!!


      Buon inizio settimana anche a te di cuore
      Monica

      Elimina
  5. Ciao Monia, complimenti davvero una bella ricetta, questi bignè sono favolosi e presentati benissimo!!!!
    Bacioni, a presto :))

    RispondiElimina
  6. Oh Santo Cielo Monica, poi dici di me!!! Questo abbinamento è semplicemente favoloso!!! Sono senza parole!
    E quelle che intravedo nel prato, nella foto con il calice, sono forse violette?
    Anche noi finalmente abbiamo passato un we in total relax, dedicandoci ai piaceri della tavola e godendoci le prime giornate di bel sole, sabato con una bella passeggiata al mare, e ieri in campagna, in cerca di asparagi selvatici (ma è ancora presto!). Sono tornata però con un bel bottino di erbette e vediamo se riesco a tirar fuori qualcosa di buono! :)
    Baci, e bravissimi!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'idea dell'abbinamento non è proprio tutta mia...c'è stato un buon lavoro di squadra col mio fotografo... Bravissima....sono proprio violette e non sono state prese per caso..che occhio che hai ragazza!!!!
      Sono contenta che anche il tuo week end sia stato positivo come lo è stato il mio....anch'io ho una gran voglia di uscire, stare all'aperto, al sole....per quanto lo amo, di quest'inverno sono un po' stufa...ed invece per il prossimo week end è prevista ancora neve...oggi qui è bello ma fa un gran freddo....Le bimbe sono all'asilo finalmente...

      Un abbraccio forte tesorina
      Monica

      Elimina
  7. Monica... ma che meraviglia!!!! Le foto mi piacciono da morire, ... il rosso della gelatina è bellissimo! Non sapevo che Luca fosse anche lui sommelier (io ho preso il diploma il giorno prima di sposarmi ennemila anni fa!)... ma comunque mai lasciare carta bianche: all'ing istruzioni ben precise con dosi al millimetro... altrimenti poi ci imbriachiamo! Complimenti ancora e in bocca al lupo per il contest!! Un bascio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahimè!! Luca ha fatto solo il primo livello a causa di un'improvvisa pioggia di figli che diciamo lo hanno un po' frenato...ma essendo un ingegnere ha continuato con la sua passione da solo e comunque gli piace molto la pratica in quello!!!!!! Anche a me comunque!!!!!
      Diciamo che va un po' a lune.....c'è stata la passione della corsa conclusa con diverse maratone...da ragazzo le macchine sportive (ora solo famigliari molto spaziose!!!).....la fotografia.....Hai ragione mai lasciargli carta bianca....mi ha stroncato ieri pomeriggio ero sulle ginocchia!!!!!!

      Un abbraccio forte
      Monica

      Elimina
  8. Caspita Monica che ricetta perfetta! non ho mai fatto i bignè, ma prima o poi ci riuscirò!
    Buon inizio settimana (dopo l'alzataccia...)!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Roberta!!!
      Devi provare...mi piace un sacco starli a vedere mentre cuociono in forno...si gonfiano come palloncini....

      Buon inizio settimana anche a te...
      Monica

      Elimina
  9. Questa ricetta va oltre la mia conoscenza della cucina, va oltre ogni mia possibilità: è semplicemente OLTRE! SUPER! GENIALE! Anzi, ti dirò di più, qui ci sta un sonoro "BELIN, che ricetta!!!".
    Non trovo parole! Non conosco i fegatini di pollo, mai mangiati mannaggia a me! Ma mi fido di voi, mi fido ciecamete!
    Grazie grazie grazie! Di cuore!
    Ema

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No non fare così o mi commuovo!!!!!!!!!!!
      Grazie... grazie mille a te di tutti questi complimenti!!!!!

      Un abbraccio
      Monica

      Elimina
  10. E aggiungo...gli ingegneri di cucina ne sanno!!! Alla facciaccia di chi dice che abbiamo la testa quadrata e siamo senza fantasia..tiè!!! ah ah ah!
    Un bacione!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tranquilla ne ho la prova in casa...so bene che quando vi ci mettete chi vi ferma più...devi convenire però che (non so tu..io parlo per il mio ing) avete la capacità di complicarvi la vita in certi casi....cioè per avvitare una vite non è necessario studiare il materiale di cui è composta o calcolare la forza che devi imprimere per avvitarla...bisogna solo cercare il cacciavite giusto!!!!!!!!!!!

      Un bacione e quando torni alle tue origini vienici a trovare così vi fate una chiaccherata tra ingegneri!!!!!!!!!!!!!!!!

      Monica

      Elimina
  11. Grazie Ema i tuoi complimenti sono preziosissimi per me perche' capisci bene le cavolate che dobbiamo sentire tutti i giorni sulla nostra presunta mancanza di capacita'di uscire dagli schemi...d'altronde tu e il tuo fantastico blog siete la prova di cosa puo' creare un ingegnere quando apre le porte della fantasia...
    Ciao.

    Luca

    RispondiElimina
  12. Ma che bella composizione che avete creato... non ho mai visto i bignè salati e anche solo dall'aspetto non sembra ci sia la sorpresa dentro! Complimenti, sono davvero un capolavoro... e la prima foto è strepitosa! Che coppia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Polpy!!!!
      Sei sempre gentilissima...

      Un abbraccio
      Monica

      Elimina
  13. Pensavo fosse la ricetta di un dolce e invece mi hai piacevolmente sorpreso e stupito: un ripieno molto particolare, ma altrettanto stuzzicante e invitante. Complimenti alla coppia di Fotocibiamo, siete eccezionali :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Abbiamo un po' giocato con una ricetta che è un must della pasticceria francese.....io adoro i dolci, quindi non potevo non mettere un po' di un dolce in una ricetta salata!!!!!!!!!

      Un abbraccio
      Monica

      Elimina
  14. Stupenda e innovativa questa ricetta!

    RispondiElimina
  15. Ma sono deliziosi :)
    Non sembra facile l'effetto... ma tentar non nuoce :)

    RispondiElimina
  16. che delizia! fai sapere all'ing. che le sue foto sono bellissime. la mia preferita è la terza. devo lasciare anche io Matteo e le bimbe con un paio di ingredienti e vedere che inventano!! un abbraccio, Maggie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Siamo in sintonia la terza foto è anche la mia preferita!!!!!
      Come va!!?? Devi provare...l'unica controindicazioni sta nel come ritroverai la tua povera cucina e il tempo che ti ci vorrà a renderla appena appena presentabile....

      Un abbraccio e buon inizio settimana
      Monica

      Elimina
  17. Che classe !!! Tutto bello !!! ricetta e foto !! Quando si dice l'unione fa la forza !!!

    RispondiElimina
  18. sono senza parole, troppo bello e buono! In bocca al lupo per il contest
    Bacioni
    Tiziana

    RispondiElimina
  19. ricetta favolosa!!
    se vuoi passa dal mio blog, c'è qualcosa per te :)

    http://pasticcionaifornelli.blogspot.it/2013/02/premio-liebster-bisper-conoscerci-di-piu.html

    RispondiElimina
  20. Che dire...semplicemente FAVOLOSO!!!!
    Complimenti sei stata fantastica!!
    Passa a trovarmi, c'è un piccolo pensiero per te!! ;)
    Buona giornata!!

    RispondiElimina
  21. ma per dindirindina! :)) ma neanche nel sogno più fantasioso mi sarebbe sovvenuto di riempire un bignè di patè di fegatini! Un finger per i palati più raffinati. bellissimo tutto, l'idea, la gelatina, i colori, le foto, tutto.
    grazie di averci inserite.
    buona domenica
    sabrina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille dei tuoi complimenti!!!!!

      Un abbraccio
      monica

      Elimina
  22. grandissima figata!!! e scusate il francesismo :-))
    anch'io tempo fa, pre-blog, avevo realizzato dei bigné ripieni di paté di fegatini su mousse di pera al porto e fette di pera caramellate....siamo in sintonia!!
    grazie per questa delizia
    Cristina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te dei complimenti e dell'opportunità!!!!!

      A presto
      Monica

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...